Ultima modifica: 31 Marzo 2019
I.S.I.S "GIULIO NATTA" > SALUTE, SICUREZZA, AMBIENTE

SALUTE, SICUREZZA, AMBIENTE

Direttore Dipartimento: prof. Giuseppe Poeta Paccati

PROGETTO DI RICERCA: MERCURIO NELLA MADRE E NEL NEONATO

Sono dagli 1,5 ai 2 milioni i bambini che nell’Unione Europea nascono ogni anno con un livello di mercurio al di sopra dei limiti di sicurezza: è questo il numero stimato da una nuova ricerca di BioMed Central e pubblicata sulla rivista Environmental Health. Il mercurio è assimilato dagli organismi viventi, uomo compreso, sotto forma di metilmercurio una delle specie chimiche più tossiche di questo elemento.
Le eruzioni vulcaniche e gli incendi boschivi contribuiscano ad incrementare i livelli di mercurio rilasciati nell’ambiente, ma sono soprattutto le emissioni inquinanti prodotte dai combustibili fossili a mettere a rischio la salute dei neonati. Tali sostanze, infatti, finiscono prima nell’atmosfera e poi anche nelle acque marine e lacustri. Il mercurio, in particolare, si accumula negli organismi viventi e subisce il fenomeno della biomagnificazione nella rete alimentare con il risultato che anche l’uomo, che è alla sommità di tali reti trofiche, è esposto a dosi che meritano attenzione di questo metallo.

 

Mercury Releases to Air and Rivers Contaminate Ocean Fish: Dartmouth-Led Effort Publishes Major Findings
New Research Important to Discussion of International Mercury Treaty

DARTMOUTH
Il mercurio rilasciato in aria e poi depositato negli oceani sta sempre più contaminando le specie di pesci comunemente consumate dall’uomo, come ha evidenziato uno studio condotto dagli scienziati del Dartmouth College e dell’Harvard School of Public Health (HSPH). Il report è il culmine di due anni di lavoro di scienziati marini e di esperti di varie discipline. E’ emerso che nel corso degli ultimi 100 anni, l’inquinamento da mercurio sulle superfici oceaniche è più che raddoppiato a causa delle attività umane, come la combustione del carbone, l’estrazione mineraria e altri processi industriali. Gli alti livelli di esposizione al mercurio attraverso il consumo di pesce hanno causato una serie di effetti sull’apparato neurologico e riproduttivo degli esseri umani e della fauna selvatica.
Per le donne in gravidanza il mercurio è particolarmente pericoloso, in quanto si accumula soprattutto nel feto. il La sostanza agisce sul sistema nervoso e nei neonati e nei bambini può provocare.
Anche i bambini non sono immuni dai pericoli del mercurio. I nuovi dati hanno infatti rivelato che 1.866.000 neonati venuti al mondo in Europa risultano esposti al MeHg e 232 mila sono esposti a livelli seriamente pericolosi per la salute, ossia 5 volte superiori al limite massimo consentito. Nei loro capelli infatti è stata trovata una concentrazione superiore a 2,45 mg/g di capelli, che è la soglia di allarme dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Il metilmercurio ha un effetto neurotossico, influisce sullo sviluppo cerebrale e di conseguenza può agire negativamente sul quoziente intellettivo dei bambini.

 

Environmental Health 2013, 12:3
Economic benefits of methylmercury exposure control in Europe: Monetary value of neurotoxicity prevention

Martine BellangerEmail author, Céline Pichery, Dominique Aerts, Marika Berglund, et. al.

Results
The hair-mercury concentrations were the highest in Southern Europe and lowest in Eastern Europe. The results suggest that, within the EU, more than 1.8 million children are born every year with MeHg exposures above the limit of 0.58 μg/g, and about 200,000 births exceed a higher limit of 2.5 μg/g proposed by the World Health Organization (WHO). The total annual benefits of exposure prevention within the EU were estimated at more than 600,000 IQ points per year, corresponding to a total economic benefit between €8,000 million and €9,000 million per year. About four-fold higher values were obtained when using the logarithmic response function, while adjustment for productivity resulted in slightly lower total benefits. These calculations do not include the less tangible advantages of protecting brain development against neurotoxicity or any other adverse effects.

 

Un caso che ha fatto storia: LA SINDROME DI MINAMATA
(水俣病 Minamata-byō)

La malattia di Minamata è stata scoperta per la prima volta a Minamata, città della Prefettura di Kumamoto in Giappone, nel 1956. Fu causata dal rilascio di metilmercurio nelle acque reflue dell’industria chimica Chisso Corporation, che perdurò dal 1932 al 1968. Questo composto chimico altamente tossico si accumulò nei molluschi, nei crostacei e nei pesci della baia di Minamata e del mare di Shiranui, entrando nella catena alimentare e causando così l’avvelenamento da mercurio degli abitanti del luogo. Mentre i decessi (inclusi quelli di cani, gatti e maiali) continuarono per più di 30 anni, il governo e l’industria chimica fecero ben poco per prevenire il disastro ambientale.

Tomoko Uemura, una vittima della malattia di Minamata

La malattia di Minamata (o Chisso-Minamata (チッソ水俣病), è una sindrome neurologica causata da intossicazione acuta da mercurio. I sintomi includono atassia, parestesie alle mani e ai piedi, generale debolezza dei muscoli, indebolimento del campo visivo, danni all’udito e difficoltà nell’articolare le parole. In casi estremi porta a disordine mentale, paralisi, coma e morte nel giro di alcune settimane dai primi sintomi. Una forma congenita della malattia può essere trasmessa al feto durante la gravidanza.

La sindrome di Niigata
Nel 1965, un secondo disastro ambientale nella Prefettura di Niigata provocò un riemergere della malattia, alla quale venne dato il nome di malattia di Niigata Minamata. Entrambi i casi sono considerati fra i maggiori disastri da inquinamento in Giappone.[4]

I dati di oggi
Dal 2002 al 2008, il ricercatore Tetsuya Endo, professore presso l’università di Hokkaido e il National Institute of Minamata Disease (NIMD), hanno testato la quantità di metilmercurio presente nella carne di delfino, consumato nei villaggi costieri delle isole del Giappone del Sud, come Taiji, la vicina Nachikatsuura, Kozagawa, Katsuura e Okinawa. Le quantità di metilmercurio trovate superano di una decina di volte i livelli considerati normali dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e hanno portato alla sospensione del consumo di carne di delfino nelle mense scolastiche di quei paesi. Gli anziani invece continuano a consumare la carne di delfino inquinata e si registrano fra loro un numero di morti doppie rispetto a quelle dei villaggi dove non si consuma carne di delfino inquinata da metilmercurio

 

 

 

 

Un nuovo modo di fare formazione al Natta!

28/aprile 2017

Campus Educa, Bergamo

L’ISIS Giulio Natta inaugura oggi un metodo formativo per la sicurezza e la prevenzione sui luoghi di lavoro basato su un approccio attivo, ludico e pratico per assicurare un migliore apprendimento da parte degli allievi. E’ la lungimiranza e l’affetto per il suo istituto dove si è formato come chimico di Mirko Rottoli, oggi intraprendente e lungimirante AD di EduC.A. che, mettendo a disposizione la struttura da lui ideata di Campus EduC.A., ha dato forma e concretezza all’idea, tanto corteggiata al Natta, di innovare, radicalmente, i metodi della formazione di prevenzione. Campus EduC.A. è, infatti, una struttura realizzata come un laboratorio e attrezzata con serbatoi, ballatoi, scaffalature, un’aula e altre attrezzature  in cui gli allievi possono simulare casi d’incidente e studiare il modo di prevenirli.

 

 

Tragedia in un parco acquatico di Taiwan

Taiwan incendio polveri Holi party

Durante un Holi party la polvere colorata deflagra e provoca centinaia di ustionati anche gravi e alcuni morti. La tragica immagine sopra riportata mostra le persone che scappano avvolte dalle fiamme.

 

Leggi l’articolo sulle cause dell’incidente e le esplosioni di polveri:

[attachments template=natta include=”11799″]

In occasione del 12° CAP (Convegno Annuale di Prevenzione di AIAS è stato presentata una relazione sull’incidente di Taiwan.

Scarica il file PP  [attachments template=natta include=”13549″]

Alcuni esperimenti realizzati insieme agli allievi (vedi foto sotto) mostrano la facilità di accensione delle polveri colorate usate nelle feste che si ispirano agli Holi party.

IMG-20151029-WA0022 [9901427]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“ILMIBABBO”

Clip di promozione sociale in supporto della 10th edition of “PRIMI IN SICUREZZA” , una campagna nazionale di prevenzione degli incidenti sul lavoro dedicata alle scuole da Rossini Trading.

http://www.youtube.com/watch?v=6DMWmluQauo

 

PREMI

 
1° PREMIO NAZIONALE “RINO PAVANELLO” – Edizione 2015
PROGETTO INNOVATIVO DI IN-FORMAZIONE
SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI VITA E DI LAVORO
 
promosso dall’Associazione di Protezione Ambientale di Interesse Nazionale Ambiente e Lavoro, (http://www.amblav.it/) per l’attività di promozione della cultura della sicurezza negli ambienti di vita, studio e lavoro, svolta in questi anni.

 

PREMIO SPECIALE ANMIL di Bergamo

PREMIO SPECIALE CONFINDUSTRIA BERGAMO.

http://www.anmil.it/Iniziative/Concorsi/PrimiinSicurezza20122013/tabid/2340/Default.aspx

 

ATTIVITA’ 2013-14

[attachments template=natta include=”7108″]

[attachments template=natta include=”7109″]

 

NATTA, SCUOLA, AZIENDA e MERCURIO, Corriere della Sera, Cultura

[attachments template=natta include=”7111″]

A SCUOLA DI DISASTRI

[attachments template=natta include=”7112″]

Visualizza tutto »

Ultimi 5 articoli pubblicati in "educaz. sic. ambiente"

30 Nov 2015 STRESS DA CATTEDRA

Recenti ricerche dimostrano un fatto, per altro già noto, che gli insengnanti si ammalano di patologia psichiatrica molto di più di tutti gli altri lavoratori. In particolare questa categoria di lavoratori risulta più soggetta a patologie del sistema nervoso con una netta prevalenza delle forme nevrotiche. In particolare, nel nostro Paese, il primo lavoro sul    »

21 Set 2015 SICURI DELLA “BUONA SCUOLA”?

La Buona Scuola presenta importanti novità per gli studenti e i docenti della scuola secondaria di secondo grado (Legge 13 luglio 2015, n. 107) volti ad innovare la didattica e a orientare e facilitare l’inserimento in ambito lavorativo dei nostri giovani. Molte sono le novità che avranno conseguenze sulla didattica, l’organizzazione scolastica, i curricoli degli    »

4 Set 2015 AMIANTO: ORA MUOIONO ANCHE I PROFESSORI

E’ la preoccupante notizia riportata dall’Espresso Network a firma di Paolo Fantauzzi (http://espresso.repubblica.it/attualita/2015/09/01/news/amianto-ora-muoiono-anche-i-professori-1.227190). Almeno 60 sono sono i docenti deceduti per tumori correlati all’esposizione all’amianto dal 1993. Il picco proprio negli ultimi anni. Tra il 2009 e il 2012 sono stati 19 i casi registrati, cinque in più del triennio precedente. In Italia, nonostante  gli    »

1 Ago 2015 INCIDENTI “REPLICANTI”_LA STRAGE DI MODUGNO (BA)

Strage di Modugno, sale a dieci il numero delle vittime Sale a dieci il numero delle vittime dell’esplosione della fabbrica di fuochi d’artificio Bruscella di Modugno, avvenuta il 24 luglio. Dopo essere rimasto ricoverato per cinque giorni, a causa delle gravi ustioni sull’85 per cento del corpo, è morto all’ospedale Cardarelli di Napoli Vincenzo Bruscella,    »

24 Lug 2015 CONFERENZA “CHEMBIOHAZA Milano 2015″

 Conferenza “ChemBioHaza Milano 2015” 20 e 21 novembre Sala Congressi dell’Area della Ricerca del CNR di Milano. Questo evento vuole presentare la questione delle minacce emergenti di natura Chimica, Biologica, Radiologica e Nucleare (minacce CBRN), con un approccio multidisciplinare della ricerca scientifica, soccorso, industria, sanità, militare. La conferenza si rivolge a tutti coloro che operano    »